Seleziona una pagina
Metodi di misurazione

Metodi di misurazione

Come accennato ieri sera oggi parliamo della dimensione del sensore e dei vari metodi di musurazione per valutare una corretta esposizione.

Dimensioni del Sensore e ISO

A questo punto è necessario precisare che la sensibilità ISO è determinata dalle dimensioni fisiche del sensore della fotocamera. Questo perché un sensore di dimensioni maggiori può contenere fotocellule più grandi che pertanto possono ricevere una maggiore
quantità di luce. Le fotocamere digitali compatte sono spesso dotate di sensori di
dimensioni standard da 1/1.8” (in mm, 7.2 x 5.3). Al contrario le Reflex digitali montano sensori di dimensioni maggiori anche di tipo Full Frame, con una misura pari a 35 x 24 mm. Infatti, se prendiamo in considerazione un Modello Reflex come ad esempio la Canon EOS 50D vediamo subito che la dimensione del sensore è nettamente maggiore, pari a 22.3 × 14.9 mm con una possibile impostazione manuale di valori ISO pari a 6400 e 12800.

Compensazione dell’Esposizione

Sappiamo gia’ che le fotocamere digitali montano tutte un esposimetro interno per la rilevazione della quantità di luce ambientale. In base ai dati riportati dall’esposimetro la fotocamera sceglierà in automatico i valori ISO, l’apertura del diaframma e il tempo di esposizione.

Vediamo meglio come funziona l’ Esposimetro.

Esposimetro

Quando scattiamo delle foto non in modalità automatica (in modalità, P, S, A o Manuale) è possibile utilizzare l’opzione di compensazione automatica dell’esposizione (Auto Exposure Bracketing – AEB) per aggiustare l’immagine, realizzando più scatti, a diversi intervalli di esposizione.

Questa modalità di compensazione automatica può essere utile ad esempio in una situazione ambientale in cui la luce è intensa e il contrasto tra gli elementi è molto forte. Aumentando il livello di compensazione le ombre verranno riprodotte correttamente.

Nelle digitali Reflex è possibile andare a modificare i valori di compensazione di base, specificandone altri, rispetto a quello di default. Nella maggior parte dei casi infatti è possibile impostare la compensazione dell’esposizione fino a +/- 2 stop con incrementi di 1/3 di stop.

Un buon sistema di compensazione è presente anche in alcune compatte evolute, come ad esempio la Canon PowerShot G12, oppure, ad un prezzo più contenuto, la compatta digitale Panasonic Lumix dmc-tz10, oggi anche altre compatte hanno questa funzione magari non proprio intuitiva ma cercando sul libretto si puo’ trovare.

Metodi di Compensazione

A seconda della fotocamera in uso esistono diversi metodi che possono essere utilizzati per conferire particolare enfasi a porzioni delle nostre foto, lavorando proprio sulla gestione dell’esposizione. Tuttavia qualsiasi sia il metodo scelto, i parametri da gestire per ottenere una corretta esposizione saranno sempre quelli rappresentati nel “triangolo dell’esposizione”: apertura, velocità di chiusura e valore ISO.

Metodi di misurazione

Misurazione VALUTATIVA

La fotocamera in questa modalità valuterà le letture dei valori di esposizione provenienti da tutti i sensori e determinerà di conseguenza l’esposizione complessiva corretta.

Il metodo valutativo è molto utile quando lo scatto riguarda una situazione ambientale con forti contrasti e differenze di illuminazione.

Metodo Valutativo

L’intera area in violetta verrà valutata nell’elaborazione dell’esposizione finale

Misurazione PARZIALE

La fotocamera “legge” i livelli di luminosità di tutti i sensori a partire dal centro della scena per poi bilanciare di conseguenza gli altri livelli presenti. In questo modo si conferisce enfasi sull’esposizione della parte centrale della foto.

Questa modalità è ottimale quando il soggetto principale della foto è ben illuminato, senza un eccessivo contrasto con l’ambiente circostante. (es. quando scattiamo in controluce)

Metodo Parziale

L’area sfumata in viola viene interamente valutata, a partire dal centro

Misurazione MEDIA PESATA AL CENTRO

In questa modalità la fotocamera utilizza le informazioni relative alla misurazione della luce solo dai sensori centrali. Questa valutazione parziale è utile quando l’illuminazione di sfondo nella scena di scatto è molto diversa rispetto dall’illuminazione del soggetto centrale della nostra foto.

Metodo Misurazione media pesata al centro

Solo l’area in viola viene valutata

Misurazione SPOT

Con questo metodo solo alcuni sensori al centro del nostro scatto vengono considerati; pertanto in questo caso solo il 2,3% delle informazioni relative all’illuminazione generale viene valutato. La parte restante dei dati relativi all’illuminazione viene ignorata.

Misurazione Spot

Solo la parte in viola viene valutata e considerata

Bene anche oggi abbiamo visto i vari metodi automatici impostati per la misurazione dell’esposizione nella vostra fotocamera. Prossimamente parleremo di bilanciamento del bianco.